Domanda

Ho letto che sono cambiate le regole per i congedi dei neo-papà a decorrere dall’anno 2018. Ci sono novità per i dipendenti pubblici?

Risposta

Dal 01 gennaio 2018 i padri lavoratori dipendenti hanno diritto a 4 giorni di congedo obbligatorio, da fruire entro i 5 mesi dalla nascita del figlio o dall’ingresso in famiglia o in Italia del minore (in caso di adozione e affidamento nazionale o internazionale). I giorni possono essere goduti anche in via continuativa e vanno chiesti con un preavviso di 15 giorni.

Dal 2018, inoltre, il padre lavoratore può fruire di un ulteriore giorno di congedo facoltativo.

La previsione è contenuta nella Legge di Bilancio 2017, all’art. 1, comma 354, e la compiuta disciplina di questo istituto è contenuta nel Decreto Ministeriale del 22 dicembre 2012, che da attuazione alla norma istitutiva della fattispecie: l’art. sia l’art. 24, comma a) della l. 92/2012.

Il Dipartimento della Funzione Pubblica ha poi precisato, con nota del 20 febbraio 2013, che la normativa in questione non è direttamente applicabile ai rapporti di lavoro dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni e che, quindi, ai padri lavoratori pubblici, non è dato godere dei congedi obbligatori e facoltativi.

Il congedo facoltativo, che per l’anno 2018 è di 1 giorno, interferisce tuttavia con il congedo della madre, ed è qui che è necessario monitorare la fruizione di questo giorno anche nel pubblico impiego.

La fruizione da parte del padre del congedo facoltativo è infatti condizionata alla scelta della madre lavoratrice di non fruire di altrettanti giorni del proprio congedo di maternità, con conseguente anticipazione del termine finale del congedo post partum della madre.22

Print Friendly, PDF & Email
× Come possiamo aiutarti?