Domanda

Il congedo obbligatorio dei papà è fruibile anche dai lavoratori pubblici o solo dai privati? E cosa cambia nel 2019?

Risposta

Il congedo obbligatorio dei padri lavoratori nasce nella legge Fornero n. 92 del 26.06.2012 e riceve successiva disciplina nelle diverse Leggi di Bilancio che hanno di volta in volta prorogato la disciplina sperimentale, ampliando il congedo di anno in anno.

Si tratta di uno strumento di sostegno alla genitorialità che mira a promuovere una cultura di maggiore condivisione dei compiti di cura dei figli all’intero della coppia.

Tuttavia, come ha avuto modo di chiarire anche il Dipartimento della Funzione Pubblica con nota del 20 febbraio 2013, la disciplina che regolamenta questo istituto non è direttamente applicabile ai rapporti di lavoro dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni.

Esistono due diversi tipi di congedo dei padri: quello obbligatorio e quello facoltativo.

La disciplina di dettaglio dell’istituto, contenuta nel decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 22 dicembre 2012, ha precisato che, mentre i giorni di congedo obbligatorio sono aggiuntivi rispetto al congedo di maternità, la fruizione, da parte del padre, del congedo facoltativo, è invece condizionata alla scelta della madre lavoratrice di non fruire di altrettanti giorni del proprio congedo di maternità, con conseguente anticipazione del termine finale del congedo post partum della madre, di un numero di giorni pari al numero di giorni fruiti dal padre.

Quindi l’attenzione va rivolta a quei casi in cui un padre lavoratore dipendente di un’azienda privata, goda del congedo facoltativo, “accorciando” in questo modo di pari durata, il congedo obbligatorio della mamma dipendente pubblica.

La disciplina vigente fino al 31.12.2018 è rappresentata in questo modo:

L. n. 92 del 28.06.2012
Art. 24, comma a)
L. n. 208 del 28.12.2015
Art. 1, comma 205
Legge di Bilancio 2017
Art. 1, comma 354
2013-2014-2015 2016 2017
1 GIORNO OBBLIGATORIO

2 GIORNI FACOLTATIVI

2 GIORNI OBBLIGATORI

2 GIORNI FACOLTATIVI

2017: 2 GIORNI OBBLIGATORI

2018: 4 GIORNI OBBLIGATORI
1 GIORNO FACOLTATIVO

La legge di Bilancio del 2019, modifica e novella il contenuto del comma 354, art. 1, della Legge di Bilancio 2017, prevedendo per l’anno 2019 quanto segue:

  • 5 giorni di congedo obbligatorio per il padre lavoratore dipendente;
  • 1 giorno di congedo facoltativo per il padre lavoratore dipendente.
Print Friendly, PDF & Email
× Come possiamo aiutarti?